• Stefania Lusetti

Prima o poi (anche loro)

Aggiornamento: 15 ago


Scompaiono per decenni lasciando una inconsistente traccia di sé.

Ci sono e ne siamo consapevoli, ma la loro immagine si mescola ai tanti volti e voci di un passato che poco ci ha lasciato, se non la prova tangibile di una loro esistenza.

Chiediamo di loro come potremmo chiedere di un antico conoscente di cui abbiamo perso le tracce per nostra volontà.

Veniamo a sapere dei loro successi, degli stipendi sempre più gonfi e dei viaggi in giro per il pianeta.

Ci chiediamo se loro abbiano chiesto qualche volta di noi, ma ne dubitiamo.

Poi, improvvisamente, ricompaiono.

Dopo un doveroso « come state ? » arriva l’invito, mascherato da domanda, a comportarci in un certo modo, a prendere dei provvedimenti, a sollevarli da un fastidio che proprio non riescono a sopportare.

Inizialmente rimaniamo interdetti, ci chiediamo perché, cerchiamo le parole giuste e rispondiamo.

Poi, rielaboriamo e comprendiamo che siamo stati bacchettati e, come alunni indisciplinati, messi in castigo.

E allora monta la rabbia verso chi ha fatto delle scelte che li giustifica a non accollarsi oneri e responsabilità.

Loro lavorano, quindi non possono.

Loro sono lontani, quindi non possono.

Loro sono uomini e donne di successo, quindi non possono.

Rialziamo la testa e presentiamo loro una mezza dozzina di altre problematiche che dovrebbero aiutarci ad affrontare, perché riguardano anche loro, ma tacciono, evitano, fanno finta di non capire, quindi bypassano.

Tornano al problema originale, quello per il quale sono stati disturbati dai loro affari pressanti.

Quindi ci porgono la mano e con magnanimità si offrono di aiutarci, ma non ora.

Ora ci sono le ferie e loro non possono.

Potranno quando saremo noi a essere in ferie, oppure al lavoro, oppure impegnati con i figli. Ma a loro non importa.

Il loro aiuto si limiterà a un elenco di commissioni e saremo noi gli attori principali, quelli che dovranno correre e risolvere.

Lo faremo perché da sempre funziona così, consapevoli, però, che anche loro dovranno pagare pegno.

Chiamatelo karma o giustizia divina, ma prima o poi dovranno affrontare tutto ciò che, delegando o infischiandosene, hanno accuratamente evitato per anni.


Photo by cottonbro: https://www.pexels.com/photo/wood-landscape-nature-man-5386049/